Rivalutazione pensioni e aumenti per l’assegno di febbraio

Pensioni, a febbraio previsti nuovi aumenti in base alla rivalutazione dell'assegno: ecco chi riceverà di più e tutte le novità dal mondo pensione!

0

Rivalutazione pensioni: scopriamo insieme chi riceverà gli aumenti di febbraio. L’INPS, il sistema nazionale di previdenza sociale italiano, ha annunciato che i pagamenti delle pensioni a febbraio includeranno aumenti dovuti alla rivalutazione degli assegni che non è avvenuta a gennaio. Ciò significa che alcuni pensionati riceveranno un importo maggiore del solito a febbraio. Questo aumento è il risultato della rivalutazione 2023 delle pensioni, che ha lo scopo di adeguare la pensione ai tassi dell’inflazione. Inoltre a partire da febbraio 2023, secondo quanto previsto dalla Legge di Bilancio del Governo di Giorgia Meloni, le pensioni minime aumenteranno ma solo a favore degli over 75. Questa notizia è stata accolta favorevolmente dai pensionati che attendevano da tempo tale rivalutazione. La decisione di attuare questo aumento è stata presa dopo un’attenta valutazione di tutti i fattori coinvolti al fine di garantire equità in base all’importo percepito e assegni più corposi per tutti i pensionati in considerazione dell’attuale crisi dell’economia e dei prezzi sempre più elevati per l’acquisto dei beni di prima necessità. Scopriamo insieme tutti i dettagli.

Rivalutazione pensioni: ecco di quanto aumenta l’assegno di febbraio e chi riceverà importi più alti.

Leggi anche:

Aumento pensioni dal 3 gennaio: ecco quanti soldi in più riceveranno i pensionati

Quanto aumenta una pensione di 800 euro?

Il pagamento degli aumenti in base alla rivalutazione delle pensioni nel mese di febbraio avverrà secondo il calendario dei pagamenti delle pensioni definito dall’INPS. Lo si farà per rimediare ai mancati aumenti di gennaio dovuti alla variazione dell’assegno in base alla rivalutazione delle pensioni. I pensionati riceveranno un importo della loro pensione più elevato del solito a seguito di questa rivalutazione.

Previsto in Italia un aumento dei pagamenti sull’assegno di alcuni pensionati in Italia. A febbraio l’Inps procederà a versamenti di pensioni aumentate con la rivalutazione di assegni che non sono avvenuti a gennaio.

L’aumento delle pensioni è un importante passo avanti per la politica italiana in quanto fornirà aiuti finanziari a chi ne ha più bisogno e contribuirà a stimolare l’economia.

Questa rivalutazione dovrebbe avere un impatto positivo sull’economia. Questo aumento fornirà maggiore sicurezza finanziaria ai pensionati e li aiuterà anche a far fronte all’inflazione e all’aumento del costo della vita.

Le pensioni aumenteranno durante il mese di febbraio secondo quanto definito dal calendario disposto dall’INPS.

Scopriamo insieme le 2 novità previste per i pensionati durante il mese di febbraio:

  1. Dal mese di febbraio 2023 le pensioni minime aumenteranno a 600 euro ma solo per gli over 75. Ciò significa che alcuni pensionati potranno godere di un livello più elevato di sicurezza finanziaria e comfort, il che è particolarmente importante in considerazione dell’attuale crisi dell’economia e del caro bollette.
  2. A febbraio l’INPS provvederà al pagamento dell’aumento sulle pensioni in base alla rivalutazione non effettuato a gennaio.

Preparati per la rivalutazione della pensione a febbraio. Controlla ora i tuoi aumenti!

Ecco di quanto aumenterà l’assegno pensionistico a febbraio in base alla rivalutazione non avvenuta a gennaio dell’assegno e chi riceverà l’aumento della pensione.

Scopriamo insieme le ultime notizie sulle pensioni in base alle novità introdotte dalla Legge di bilancio.

Gli aumenti sull’assegno pensionistico di febbraio interessano tutti i pensionati che non hanno ricevuto il versamento dell’aumento a gennaio in base alla rivalutazione della pensione adeguata ai tassi dell’inflazione.

Il versamento dei nuovi importi sulle pensioni da parte dell’INPS partirà secondo l’ordine alfabetico stabilito da mercoledì primo giorno di febbraio.

L’aumento complessivo è del 7,3% di cui il 2% è già stato versato a novembre 2022 sulle pensioni fino a 2692,32 euro, in base a quanto disposto dal Governo di Mario Draghi.

Quindi, rispetto al mese precedente l’assegno previdenziale avrà un aumento effettivo del 5,3%. Tuttavia non tutti i pensionati riceveranno l’aumento.

I pensionati in Italia beneficeranno delle ultime novità introdotte dalla Legge di bilancio del governo di Giorgia Meloni, che prevede una rivalutazione del 100% degli assegni pensionistici ma ovviamente non per tutte le pensioni. Ciò vale solo per gli assegni pensionistici che non superano quattro volte il trattamento minimo, quindi non superiori a 2.101,52, con aumenti che diventano decrescenti per importi superiori.

Infatti, in base a quanto stabilito dalla Manovra le rivalutazioni delle pensioni seguiranno sei scaglioni che prevedono una rivalutazione dell’85% su assegni pensionistici tra 2.101,52 e 2.626,90 euro, quindi tra quattro e cinque volte il minimo lordo.

Chi riceve una pensione lorda pari a circa 2.626 euro durante il mese di febbraio riceverà un aumento che corrisponde a circa 162 euro.

Per gli assegni pensionistici tra 2.626,90 e 3.152 euro, quindi tra cinque e sei volte il minimo lordo, la rivalutazione prevista è del 53%.

Quindi, chi percepisce un assegno pensionistico lordo di 3.150 euro, pari a sei volte il trattamento minimo, riceverà un aumento di circa 121 euro.

Voi cosa ne pensate di questi aumenti disposti dalla Legge di Bilancio? Il Governo secondo voi sta davvero aiutando i pensionati in questo momento di difficoltà economica oppure potrebbe fare molto di più? Voi avete ricevuto gli aumenti previsti? Commentate qui sotto e seguirci per ricevere tutte le news dall’universo pensione!

Ecco altri articoli che potrebbero interessarti: https://tenacemente.com/news/investimenti/

Seguici sui social; TikTokInstagramFacebook, Telegram, Twitter, Linkedin e YouTube

Foto di Andrea Piacquadio da Pexels