HomeNEWSGenerali pensione minima: Berlusconi vuole l'aumento

Generali pensione minima: Berlusconi vuole l’aumento

Generali pensione minima: Silvio Berlusconi non molla e chiede l’aumento delle pensioni minime. Ecco le parole del leader di Forza Italia e le sue considerazioni sulla Legge di Bilancio.

Generali pensione minima: Berlusconi conferma l’obiettivo di Forza Italia di aumentare le pensioni minime. Ecco le sue parole.

Leggi anche: Pensioni minime: a chi spetta l’aumento

Leggi anche: Pensioni, cosa cambia con il Governo Meloni

Silvio Berlusconi prosegue la sua battaglia per ottenere l’aumento delle pensioni minime a mille euro nel corso della legislatura, come obiettivo del suo partito Forza Italia. 

Durante il pranzo di Natale che si svolge tradizionalmente ad Arcore, Silvio Berlusconi ha espresso il proprio parere sull’attuale situazione politica in Italia.

Silvio Berlusconi ha confermato che per il momento l’aumento delle pensioni minime resta a 600 euro, ma ha ribadito il massimo sforzo del suo partito di portare le pensioni minime a mille euro nel corso della legislatura.

Il leader di Forza Italia ha aggiunto che la legge di bilancio offrirà una risposta efficace ad imprese e famiglie in crisi economica a causa del caro energia e ha confermato anche l’obiettivo di detassare i nuovi assunti.

Insomma, i due argomenti che dividono e sono al centro di dibattiti e discussioni tra partiti e schieramenti politici ma anche tra cittadini e personaggi pubblici, sono reddito di cittadinanza e pensione, quindi continuate a seguirci per scoprire tutti gli aggiornamenti su questi due argomenti! 

Voi cosa ne pensate? Commentate qui sotto.

Iscriviti gratis al sito per ricevere tutti gli aggiornamenti: https://tenacemente.com/iscriviti/

Leggi i nostri articoli dal mondo della finanza e dell’economia: https://tenacemente.com/news/investimenti/

Seguici sui social TikTokInstagramFacebook, Telegram, Linkedin e YouTube

Fonte foto: https://www.flickr.com/photos/pazca/8366737971/
Autore foto: paz.ca

articoli consigliati