Mamme, Jennifer Aniston: “Senza figli non sono donna a metà”

Jennifer Aniston, 52 anni, contro chi critica le donne che non sono diventate mamme. La rabbia dell’attrice di Friends contro chi ha insinuato che lei non sarebbe diventata madre perché troppo focalizzata sul suo lavoro. Durante un’intervistata al magazine ‘Allure’ la star di Hollywood, ex moglie del Premio Oscar Brad Pitt, parla di figli, gravidanza e maternità. Ecco le sue parole:

“Non mi piace il fatto che la gente tende a mettere pressione su di me, e sulle donne in generale, dicendo che hai fallito la tua missione in quanto donna perché non hai procreato. Non penso sia una cosa corretta. Per il solo fatto che non hai avuto un bambino, non significa che sei una donna snaturata … si può sempre essere madre di qualcos’altro: un cane o i figli dei tuoi amici. È una cosa continua su di me: mi si dice che sono interessata solo alla carriera, che penso solo a me stessa, che non voglio diventare madre e che sono egoista. La gente tende a complicare le cose. Femminismo? No, basterebbe pensare alla parità tra uomo e donna. Tutto renderebbe le cose più facili”.

Jennifer Aniston contro chi critica le donne che non sono mamme ha dichiarato:

“Quando una donna diventa fisicamente meno attraente comincia ad essere rispettata. Ho letto commenti del genere, ‘Oh finalmente ha cominciato a recitare!”.

In passato la produttrice cinematografica, attrice e regista pubblicò una lettera sul perché della sua mancata maternità. Ecco le parole di Jennifer Aniston sulla maternità all’epoca del matrimonio con Justin Theroux:

“Per la cronaca, non sono incinta. Sono invece molto stanca. La stampa cerca di scoprire se sono o meno incinta per la milionesima volta, sottolineano questo pregiudizio secondo il quale le donne sono in qualche modo incomplete o non hanno successo, né possono essere felici, se non sono sposate e con figli”.

Read more: https://tenacemente.com/?s=jennifer+aniston

Subscribe: https://tenacemente.com/iscriviti/

Follow me for more: Facebook Instagram, Reddit, YouTube, Twitter e LinkedIn.

SCRIVI IL TUO COMMENTO QUI